Quattro recenti serie TV tratte da libri

0

Sempre più serie TV oggi sono tratte da libri. Grazie all’avvento e alla diffusione delle TV in streaming, poi, aumentano di giorno in giorno i lettori che fanno la spola tra libreria e schermo. Andiamo a vedere, tra le più recenti, quattro serie TV tratte da libri.

Una serie di sfortunati eventi

Una serie di sfortunati eventi (A Series of Unfortunate Events) è una serie televisiva creata da Mark Hudis per Netflix. La serie è basata sull’omonima serie di romanzi scritti da Lemony Snicket, ed è interpretata da Neil Patrick Harris (Barney di How I Met Your Mother), Patrick Warburton, Malina Weissman, K. Todd Freeman, Louis Hynes e Presley Smith.

La prima stagione, composta da 8 episodi che coprono i primi quattro libri della serie, è stata pubblicata il 13 gennaio 2017. La serie è stata rinnovata per una seconda stagione di 10 episodi che coprirà fino al nono libro della serie.

Inevitabile il paragone con il film (quello con Jim Carrey, per intenderci), la serie pare essere più fedele ai libri rispetto alla precedente trasposizione cinematografica.

Orange is the new black

Orange Is the New Black, spesso abbreviato anche in OITNB, è una serie televisiva statunitense trasmessa in streaming su Netflix, ideata da Jenji Kohan e prodotta da Lionsgate Television. La serie è ispirata alle memorie di Piper Kerman Orange Is the New Black: My Year in a Women’s Prison.

Nella serie Piper Chapman è una donna proveniente dal Connecticut, residente a New York, che viene condannata a scontare quindici mesi al Litchfield, un carcere federale femminile gestito dal Dipartimento Federale di Correzione, per aver trasportato una valigia piena di soldi di provenienza illecita per Alex Vause, una trafficante di droga internazionale e un tempo sua amante. Tale infrazione è accaduta dieci anni prima dell’ingresso della Chapman in carcere e negli anni intercorsi tra l’inizio del processo a suo carico e la condanna, la donna è riuscita a costruirsi un’agiata vita, rispettosa della legge, con il suo nuovo fidanzato Larry Bloom, nell’alta borghesia newyorkese.

Dietro le sbarre, Piper rincontra Alex (che avrebbe fatto il nome della Chapman durante il suo processo, causandone l’arresto), alla quale, nonostante un iniziale astio, si riavvicina. Oltre a loro, in carcere convivono tante altre donne, le cui storie vengono raccontate tramite l’utilizzo di flashback.

Rispetto al libro, la serie riesce a raccontare molte più storie, rivelando come dietro ogni detenuta ci sia una storia particolare. Gli ultimi episodi, poi, svelano quanto ci sia di meschino nella privatizzazione delle carceri e nella condizione delle detenute.

The Man In The High Castle

The Man in the High Castle è una serie televisiva statunitense prodotta da Amazon Studios. Basata sul romanzo La svastica sul sole di Philip K. Dick, la serie è ambientata in un universo storico alternativo in cui le potenze dell’Asse hanno vinto la seconda guerra mondiale e dominano gran parte del mondo. Gli Stati Uniti non esistono più e il loro territorio è stato spartito tra Germania e Giappone: ad ovest si trovano gli Stati Giapponesi del Pacifico; ad est sorge il Grande Reich Nazista; i due territori sono divisi dagli Stati delle Montagne Rocciose, noti anche come Zona Neutrale.

L’episodio pilota è stato pubblicato il 15 gennaio 2015, ed è stato il pilota più visto di sempre per una serie Amazon. Ricordo che per i clienti Amazon Prime, il servizio di streaming Amazon Video è gratuito: sito e app sono in lingua inglese ma audio o sottotitoli in italiano sono disponibili per gran parte del catalogo.

Shadowhunters

Shadowhunters: The Mortal Instruments è una serie televisiva statunitense trasmessa dal 12 gennaio 2016 dal canale via cavo Freeform e pubblicata dal 13 gennaio 2016 su Netflix.

Si tratta di un adattamento della saga letteraria The Mortal Instruments, in Italia pubblicata con il titolo Shadowhunters dell’autrice Cassandra Clare. La prima stagione, composta da 13 episodi, rappresenta un’unione dei primi due romanzi della saga, Città di ossa e Città di cenere. Nonostante pochi apprezzamenti in termini di critica, è stata rilasciata lo scorso 3 Gennaio la seconda stagione, composta da 20 episodi, rilasciati però uno a settimana – niente bing watching, amici.

I fan dei libri avevano storto parecchio il naso quando nel 2014 venne proiettato nei cinema Shadowhunters – Città di Ossa, pellicola tratta dal primo libro della serie, che però impastava anche elementi dei capitoli successivi. Il progetto di una saga di film pare abbandonato e ora si punta tutto sulla serie.

Condividi questo articolo con i tuoi amici!Share on Facebook
Share on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Leave A Reply